Sei giunto sul Italiano sito.

Nuovo impianto mobile XPRESS 1500 e XPRESS 2000

MARINI lancia sul mercato la nuova gamma XPRESS 1500 e XPRESS 2000 impianti super-mobili con produzione rispettivamente di 120 e 160 tonnellate ora.

XPRESS 2000

Benefits principali:

layout XPRESS 2000

La configurazione

L’intero impianto è costituito da due trailer larghi solamente 3 metri, sui quali sono montati tutti i componenti già pre-cablati in fabbrica e non necessita di alcuna gru per l’assemblaggio, riducendo notevolmente i costi di trasporto e di installazione, non necessitando di fondamenta in calcestruzzo.
La configurazione di base delle suddette macchine è composta da 4 (5 opzionale) predosatori a bordo del trailer comprensivo del tamburo essiccatore, del filtro e della cabina di controllo.
Il trailer principale comprende l’elevatore a caldo, il vaglio a 4 o 5 selezioni, la tramoggia sotto vaglio e il mescolatore.
Opzionalmente, sul trailer principale possono essere trasportate anche la cisterna del bitume e quella del combustibile, rispettivamente di 29 e 7 mila litri.
Le opzioni disponibili, come silo del filler di apporto e/o recupero e silo di stoccaggio prodotto finito, rendono l’impianto personalizzabile in base alle esigenze di applicazione.
xpress 2000 cabina

Il riciclaggio

Con gli impianti XPRESS è possibile introdurre nella miscela fino al 40% di materiale riciclato. MARINI offre diverse tecnologie per poter lavorare con il RAP nei propri impianti, non solo per ragioni prettamente ecologiche ma anche per ottimizzare i costi di produzione grazie al minor consumo di aggregati e di bitume che possono essere riutilizzati attraverso le tecniche di riciclaggio.

In qualsiasi momento è possibile implementare soluzioni tecniche che permettono all’XPRESS di arricchirsi e potenziarsi per far fronte alle diverse esigenze produttive: installazione del kit “Bitume schiumato MARINI”, che consente la produzione di conglomerato tiepido, ovvero una miscela di altissima qualità ma a temperatura di circa 20-30 °C inferiori rispetto alla miscela tradizionale calda.

Il risparmio energetico che si raggiunge producendo conglomerato a una temperatura più bassa di 30°C rispetto ai tradizionali produzioni è oggi possibile con un’installazione facile e semplice.

Potrebbe interessarti

  • Il Be Tower 2500 sorge in Colombia

    Non è passato inosservato, raccogliendo molteplici consensi, il post su Linkedin...
  • "TecnologicaMente" project meets Marini

    Il progetto "TecnologicaMente" incontra Marini

    Il 13 novembre 2018, in occasione della quinta edizione del Festival della Cultu...
  • Bunde-Retrofitting-Plant-Asphalt_485px.jpg

    Germania: Riciclaggio oltre il 60%